La perfezione imperfetta di CR7 nel perfezionismo allegriano. Di Giuseppe Marchetta