Federcalcio, un precipizio alla Cassandra Crossing?