Innocentisti o colpevolisti, il Var alla fine scalda sempre gli animi. Di Gianluca Rossi