Inter: Conte e “la legge della memoria”. Milan: la firma di Ibra e “lo sgarro” di Calhanoglu. Cluster Nazionale: tanti errori e un solo, meritatissimo applauso