Klopp, Sarri e i giudizi inariditi. Di Lapo De Carlo