Sarri, Conte e Totti. Il calcio cancella i legami