Martorano (Cesena), 25 settembre 2022 – 1^ Giornata del Girone “D” del triangolare eliminatorio di Coppa Italia, sul campo 1 in erba naturale del Centro Sportivo “Romagna Centro” di Martorano (Cesena) e in diretta streaming sul canale ufficiale YouTube Parma Femminile, Cesena-Parma termina 5-5.

Fino a poco meno di un quarto d’ora dalla fine, le Crociate sono da applausi: l’ultima parte della gara, con la rimonta da 5-1 a 5-5 delle padrone di casa, favorite da errori da matita blu delle ospiti, è da dimenticare, o al limite da ricordare a mo’ di lezione per non ripeterli mai più.

Gialloblù in vantaggio al 22′: su un cross di Arianna Acuti, Elena Casadei intercetta di mano: il direttore dell’incontro Sig. Riccardo Boiani della Sezione A.I.A. di Pesaro non ha dubbi nell’accordare la massima punizione a favore del Parma: sul dischetto si presenta Melania Martinovic che indirizza a fil di palo alla destra del portiere Adelaide Serafino che intuisce, ma non ci arriva (0-1).

Al 29′ il raddoppio porta la firma di Michela Cambiaghi: su traversone dalla sinistra di Ludovica Silvioni, l’attaccante è la più veloce prima a sfiorare di testa e poi a colpire di piede a rete (0-2)

Spettacolare l’azione che porta le gialloblù sullo 0-3: dapprima Melania Martinovic colpisce l’incrocio dei pali con un tiro dalla lunga distanza, sulla ribattuta Arianna Acuti è la più lesta a ribadire in rete (36′).

La prima frazione si chiude sul parziale 0-3: le due squadre tornano negli spogliatoi

La ripresa parte di nuovo con il Parma propositivo e convincente in avanti: al 10′ st Valeria Pirone spinge con forza sulla fascia destra, palla bassa per Bianca Giulia Bardin che trova l’inserimento giusto e di destro trafigge l’estremo difensore di casa (0-4).

Un primo campanello d’allarme inizia a trillare tre minuti dopo: è il 13′ st quando Fabiana Costi scocca un tiro che Gloria Ciccioli non trattiene (1-4).

Al 14′ st Ana Jelencic viene espulsa per interruzione chiara azione da gol della stessa Fabiana Costi: il Parma resta in dieci. Nonostante l’inferiorità numerica, però, al 19’ st, con uno splendido pallonetto, Valeria Pirone beffa il portiere avversario per l’1-5.

Poi, però, si spegne la luce: sarà stato l’appagamento per il largo vantaggio sin lì maturato, la calciatrice in meno, qualche errore individuale di troppo, ma il Cesena riesce a riaprire una partita di fatto già chiusa e in un quarto d’ora si produce in una memorabile rimonta: al 31′ st Gaia Di Stefano, con un sinistro dal limite dell’area, sigla il 2-5. Passano due minuti (33′ st) e Paola Cuciniello, con una conclusione dalla distanza sorprende Gloria Ciccioli (3-5). Le romagnole ci credono e continuano a spingere: al 36′ st sugli sviluppi di un calcio d’angolo, Szandra Ploner colpisce letalmente di testa (4-5). A tre minuti dal termine (42′ st) il Cesena raggiunge incredibilmente il pareggio (5-5) di nuovo con Gaia Distefano (doppietta), con una deviazione a centro area.

Questo, al termine, il commento di Mister Fabio Ulderici:

“Sono molto arrabbiato perché abbiamo giocato per 60 minuti, ma poi siamo uscite dal campo e non ce lo possiamo assolutamente permettere: il calcio è strano, il calcio è anche questo, le partite non sono mai finite, non puoi mai permetterti di abbassare l’attenzione. Abbiamo fatto rientrare in partita il Cesena per demeriti nostri, perché ci siamo completamente spente, non siamo più arrivate su nessun pallone, non abbiamo più vinto alcun contrasto, facevamo fatica a giocare in avanti… L’ultima mezz’ora è stata proprio brutta: cosa è successo? Che siamo uscite dal campo e questo è molto molto grave: dobbiamo capire l’importanza di restare in partita fino alla fine e che in certi momenti chi ha più esperienza, deve essere in grado di gestire, dall’interno del campo, questi momenti…
Senso di appagamento sul 5-1? Non è una giustificazione: noi non possiamo permetterci di spegnerci come abbiamo fatto, perché noi stiamo affrontando una stagione complicatissima, nella quale ogni occasione, ogni momento è importante per fare un passo in avanti e quando ci sono situazioni come queste, rischi veramente di tornare indietro al punto d’inizio in un attimo, dopo aver fatto tanti passi avanti prima. Queste sono partite che pesano, che fanno male: dobbiamo ragionarci su, analizzare, fare il punto della situazione e poi cercare di recuperare le energie soprattutto nervose, perché tra due giorni abbiamo un’altra partita difficile, con una squadra forte e abbiamo bisogno di ragionare, non abbiamo neanche tanto tempo per piangerci addosso, ma guardare già avanti alla prossima…”

 

CESENA-PARMA 5-5 (COPPA ITALIA FEMMINILE, GIRONE “D”, 1^ GIORNATA TRIANGOLARE ELIMINATORIO)
Marcatrici: 22’ Martinovic (rig.), 29’ Cambiaghi, 36’ Acuti, 10’ st Bardin, 13’ st Costi, 19’ st Pirone, 31’ e 42’ st Distefano,  33’st Cuciniello, 36’ st Ploner

CESENA (4-3-3) – 40. Adelaide Serafino; 3. Maria Vittoria Nano, 30. Sara Pastore (Cap.), 22. Paola Cuciniello, 7. Elena Casadei (25′ st 46. Alice Rossi); 8. Virginia Gidoni (16′ st 28. Silvia Zanni), 5. Lidia Bradau (25′ st 31. Szandra Ploner), 25. Nanoka Iriguchi; 9. Veronica Bernardi (25′ st 14. Maddalena Porcarelli), 11. Eleonora Galli (16′ st 17. Gaia Distefano), 10. Fabiana Costi (Vice Cap.). Allenatore: Michele Ardito
A disposizione: 1. Eveljn Frigotto; 23. Nicole Costa, 26. Beatrice Bizzocchi, 29. Alessandra Amaduzzi

PARMA (3-4-3) – 12. Gloria Ciccioli; 15. Ludovica Nicolini, 3. Sara Caiazzo, 7. Antoinette Jewel Williams; 5. Joana Marchão (1′ st 14. Ana Jelenčić), 6. Alice Benoit (Cap., 26′ st 82. Gemma Puntoni), 18. Ludovica Silvioni (1′ st 71. Niamh Farrelly), 4. Bianca Giulia Bardin; 17. Arianna Acuti, 36. Michela Cambiaghi (1′ st 9. Valeria Pirone), 24. Melania Martinovic (16′ st 27. Erika Santoro). Allenatore: Fabio Ulderici
A disposizione: 1. Alessia Capelletti, 21. Rebecca Tinti; 73. Danielle Cox, 11. Nora Heroum

Arbitro: Sig. Riccardo Boiani della Sezione A.I.A. di Pesaro

Assistenti: Sig.a Laura Gasparini di Macerata e Sig. Alberto D’Ovidio di Pesaro

Espulsa: al 14′ st Jelencic espulsa per interruzione chiara azione da rete

Recupero: 1’+4’