Claudio Ranieri, il “magico” Leicester e l’orgoglio italiano