Stefano Pioli, il “normalizzatore”. Di Emanuele Perego